SPIAGGIA TRA PORTO E PONTE, 1923, olio su cartone telato, 31×38

Lo scorcio della spiaggia dei pescatori di Ischia offre a Bruzzese la possibilità di realizzare un gioiello pittorico racchiuso in uno spazio molto piccolo. È un’opera preziosa, tutta giocata sul contrappunto di lievi passaggi di luci, funzionali a razionalizzare il racconto. La tavolozza è ricca di ritmi espressivi, di toni e contro toni. Nulla è lasciato al caso e nulla disturba il ricercato e perfetto equilibrio costruttivo. L’artista riesce a farci percepire la brezza che muove i panni stesi ad asciugare al sole, e tratteggia con brevi macchie di colore i personaggi seduti sulla spiaggia o che camminano sul lungomare. Di forte impatto è il contrasto tra i toni caldi della spiaggia e delle case, e il blu del mare che si confonde cromaticamente con il cielo. Il cielo solcato da nubi sottraggono staticità a una scena che pare essere cristallizzata dalla luce del sole e dai ricordi dell’artista.

Torna alle opere