RITRATTO DI SIGNORA, 1908, olio su tavola, 23,5×13,5 cm

Questo Ritratto di signora è interamente giocato sul contrasto tra il fondo chiaro e il volto della donna, posto quasi completamente in ombra. A fatica riusciamo a percepire i lineamenti della figura: la luce mette infatti in evidenza soltanto parte del profilo del naso e un angolo della bocca; gli occhi sono invece avvolti nell’oscurità. Questa scelta cromatica conferisce alla donna ritratta un senso di eleganza e di sottile distacco. La matericità del colore, steso con pennellate veloci nello sfondo, viene abbandonata totalmente nella trattazione del busto della figura; il pittore stende il pigmento in modo talmente leggero da diventare trasparente: l’abito risulta a tratti evanescente e lascia intravedere il fondo.

Torna alle opere