ROSE IN ALBARELLO ANTICO, 1940, olio su tela, 38×51 cm

In quest’opera Vincenzo Bruzzese lascia intravedere la poetica della scuola partenopea, dove la natura morta ha ruolo primario. I fiori di Bruzzese rappresentano, per la loro complessità e per la grande maestria tipica del disegno dal vero, un vero e proprio esercizio di stile. Le rose, generalmente simbolo di vita e di splendore, vengono qui rappresentate, senza timore, quasi sfatte. Il soggetto, pur statico, è sapientemente movimentato dalla presenza dei petali che poggiano lievi sul piano di sostegno del vaso.

Torna alle opere